Fatture Elettroniche - Casi particolari

icona novita oriente

 

 

 Fatture con ENASARCO

                             ECOBONUS - Sconto in Fattura

                                                 Fattture SOGGETTO ESTERO

                                      

La gestione delle fatture elettroniche in alcune realtà aziendali a volte è complicata, perchè si presentano casi particolari che richiedono una differente operatività e che possono trarre in errore.

Per questo il nostro team ha progressivamente realizzato nuove procedure all’interno del software gestionale Vision Enterprise che permettono di automatizzare la gestione delle fatture elettroniche, anche per casistiche non sempre diffusissime, ma che impattano molto nell’operatività delle aziende che le devono gestire.

Al fine di semplificare l’operatività da parte degli utenti e ridurre la possibilità di errori, sono state ottimizzate tre particolari tipologie di fatture elettroniche:

Fatture attive con Enasarco;
Interventi soggetti ad Ecobonus con gestione dello sconto in fattura;
Fatture attive emesse a Soggetto estero con Rappresentante fiscale in Italia.

 

Fatture attive con ENASARCO

L’acronimo ENASARCO identifica l’Ente nazionale di assistenza per gli agenti e i rappresentanti di commercio. I professionisti che svolgono attività di agente di commercio o similari oltre a iscriversi all’Inps commercianti devono iscriversi, obbligatoriamente, anche alla gestione previdenziale dell’ENASARCO.

L’emissione delle fatture con ENASARCO, soprattutto nel caso di fatture elettroniche, presenta alcune criticità che sono state completamente risolte in Vision Enterprise, grazie all’implementazione anche nel ciclo attivo della gestione Enasarco. In questo modo si possono generare i files XML da inviare al SDI (Sistema di Interscambio) già completi delle informazioni necessarie ed effettuare automaticamente i giroconti per la chiusura delle anagrafiche clienti. Inoltre si possono consultare e gestire le scadenze integrandole con i dati del versamento dell’Enasarco.

 Img 01 enasarco

 

Img 02 enasarco

Input documenti con gestione Enasarco attiva

 
ECOBONUS con sconto in fattura

Con Ecobonus si intendono quelle agevolazioni fiscali che possono essere fruite dai privati cittadini e condomini che decidono di effettuare interventi edili di ristrutturazione, efficientamento energetico e messa in sicurezza degli immobili.

                                                                                                       

Img 01 ecobonusTabella Ecobonus

 

 

Nella gestione di fatture elettroniche soggette a Ecobonus, in cui il cliente abbia optato per lo sconto in fattura, si presenta l’esigenza di gestire in modo particolare alcuni TAG della fattura elettronica, per esempio gli sconti e le descrizioni.

Le novità introdotte in Vision Enterprise permettono di configurare i documenti in fase di emissione, specificando un codice contratto collegato al codice Ecobonus con relativa % di sconto.

Con l’utilizzo di queste codifiche nel piede documento il campo “Abbuono” sarà automaticamente valorizzato con l’importo corrispondete alla % di sconto associata al contratto.

L’integrazione dell’Ecobonus con sconto in fattura di Vision Enterprise permette non solo di integrare in modo semplice e completo le fatture emesse con il meccanismo dello sconto in fattura per Ecobonus, ma anche di impostare autonomamente, e per altri scopi, i campi “causale” e “altri dati gestionali” delle fatture elettroniche.

 

RAPPRESENTANTE FISCALE in ITALIA

Nel caso in cui il cedente/cessionario italiano debba emettere una fattura elettronica a un soggetto estero identificato in Italia, è richiesta la valorizzazione di specifiche voci nel file XML, e di conseguenza occorre seguire alcuni accorgimenti operativi.

A differenza delle fatture emesse verso clienti non residenti, per le quali è necessario compilare il codice destinatario con “XXXXXXX”, in presenza di identificazione diretta (o rappresentanza fiscale italiana) nel campo “Codice identificativo” di Vision occorre esporre il numero “0000000”.
Tale indicazione è stata fornita con la Faq n. 30 pubblicata il 27 novembre 2018 dall’Agenzia delle Entrate:

“Per le operazioni effettuate nei confronti dei soggetti non residenti identificati in Italia (tramite identificazione diretta ovvero rappresentante fiscale), i soggetti passivi Iva residenti e stabiliti in Italia hanno l’obbligo, dall’1 gennaio 2019, di emettere le fatture elettroniche via SdI oppure di effettuare la comunicazione dei dati delle fatture ai sensi del comma 3-bis dell’articolo 1 del DLgs n. 127/2015. Qualora l’operatore Iva residente o stabilito decida di emettere la fattura elettronica nei confronti dell’operatore Iva identificato, riportando in fattura il numero di partita Iva italiano di quest’ultimo, sarà possibile inviare al SdI il file della fattura inserendo il valore predefinito 0000000 nel campo codice destinatario della fattura elettronica, salvo che il cliente non gli comunichi uno specifico indirizzo telematico (PEC o codice destinatario). Per quanto riguarda il soggetto identificato in Italia, lo stesso non è obbligato ad emettere o ricevere le fatture elettroniche”.

 

Img01 rapp.fisc

Rappresentante fiscale in Italia

 

Altre specifiche tecniche definiscono che nel valorizzare i dati anagrafici della controparte estera identificata in Italia, il cedente nazionale deve esporre, tra gli altri, l’indirizzo del cliente estero, selezionando la nazione di appartenenza (così non sarà necessario compilare la Provincia), mentre il campo CAP andrà compilato con il valore generico 00000; si potrà utilizzare l’indirizzo, inoltre, per indicare il CAP straniero (Faq n. 63 pubblicata il 19 luglio 2019).

Nei dati anagrafici del cessionario/committente il campo “IdFiscaleIVA” andrà valorizzato con la partita Iva italiana del soggetto estero e IdPaese uguale a IT nelle ipotesi seguenti:
• stabile Organizzazione;
• rappresentante fiscale italiano o
• identificazione diretta.
La rappresentanza fiscale del cliente comporta la compilazione anche del blocco “RappresentanteFiscale” con l’indicazione delle seguenti informazioni:
• IdFiscaleIVA;
• Denominazione (o nome e cognome).

I files XML delle fatture elettroniche emesse verso soggetti passivi esteri con stabile organizzazione in Italia devono essere strutturati con caratteristiche ben precise.

Impostando adeguatamente le anagrafiche clienti, questi documenti potranno essere inviati al SDI direttamente da Vision senza la necessità di alcuna modifica da parte dell’utente.

 
C o n c l u s i o n i

Queste procedure possono non interessare la maggior parte delle aziende in questo particolare momento, ma potrebbero tornare utili nel caso in cui subentrassero nuove esigenze gestionali ed amministrative.

Lo scopo di questo articolo è quello di fornire delle informazioni, in modo semplice e veloce, sulle novità introdotte in Vision Enterprise.

Per ulteriori approfondimenti si rimanda alle registrazioni video dei webcast in cui vengono regolarmente presentate le novità, disponibili sul canale YouTube  e nell’area dedicata del sito.

 

 

Reparto Assistenza Clienti   

 

 

                                                                                                                    

Casi di Successo ModuloDX

News & Eventi ModuloDX

Assistenza Immediata ModuloDX

Formazione ModuloDX

Video ModuloDX

Area Riservata ModuloDX

Go to top